Icona di ricerca

I pesci, i più dimenticati e trascurati tra gli animali allevati a scopo alimentare, talmente bistrattati che manca, al livello UE, una normativa dedicata che li tuteli e promuova il loro benessere, non lasciano però indifferenti le persone.

Questo è quanto emerse già nel sondaggio condotto da CIWF e Eurogroup for Animals nel 2018, in 9 Stati membri, fra cui l’Italia, sul benessere dei pesci e l’attitudine dei consumatori riguardo a questo argomento.

Il lavoro di CIWF Italia sui pesci allevati inizia proprio dalle percentuali incoraggianti di quel sondaggio del 2018 (dal quale emerse, per esempio, che il 72% degli italiani pensava che i pesci potessero provare paura) e, negli ultimi anni, si è sviluppato in tre direzioni:

  1. Sensibilizzare sempre più persone tramite report e azioni di divulgazione sul benessere dei pesci
  2. Documentare la sofferenza dei pesci negli allevamenti intensivi tramite video-inchieste
  3. Fare pressione al livello politico, con campagne dirette a interlocutori nazionali ed europei, perché vengano implementate misure di tutela dei pesci allevati

Sensibilizzare: pesci, questi sconosciuti 

Contrariamente a quanto pensano in molti, i pesci sono creature intelligenti e sensibili, che, come molti altri animali, esplorano, viaggiano, socializzano, cacciano e giocano. Alcune specie si prendono cura dei propri piccoli e utilizzano strumenti proprio come facciamo noi esseri umani. I pesci sono esseri senzienti, capaci di soffrire e di provare dolore.

Studi e ricerche recenti hanno fatto luce sulla vita complessa dei pesci, mostrando aspetti incredibili e affascinanti di questi animali.

Altra cosa che è importante comunicare sui pesci sono i numeri, crudelmente bizzarri perché questi animali hanno talmente perso la loro individualità nell’allevamento e pesca commerciale che si contano in base al loro peso, in tonnellate.

Vertiginosamente alto è il numero dei pesci allevati: unendo tutta la produzione dell'acquacoltura (pesci e altre specie animali acquatiche), la produzione globale di pesci allevati è stimata intorno agli 82,1 milioni di tonnellate (stima relativa al 2018).

Pericolosamente in decrescita il numero di pesci presenti in natura, che sta precipitando in maniera drammatica a causa dello sfruttamento intensivo della pesca: se la pesca dovesse continuare ai ritmi attuali, senza lasciare all’ecosistema marino il tempo di riprendersi, i nostri oceani potrebbero diventare praticamente deserti entro il 2050.

primo piano su un polpo
iStock

Gli ingranaggi oscuri dell’allevamento intensivo si sono allargati anche al mare e riguardano un numero sempre più alto di pesci. Basti pensare che anche animali marini come i polpi, creature solitarie e curiose, sono entrati nel mirino dell’acquacoltura. Per far conoscere la realtà nascosta dietro l’allevamento del polpo, nel 2021 abbiamo pubblicato il report “Allevamento intensivo del polpo – Un disastro annunciato”, che spiega gli otto motivi per cui l'allevamento intensivo del polpo è crudele, dannoso per il pianeta e deve essere fermato.

Documentare: anche i pesci sono allevati intensivamente

Per i pesci, la cui sofferenza è particolarmente poco visibile e “silenziosa”, nascosta com’è sotto la superficie, negli allevamenti intensivi sottomarini, lo strumento della video-inchiesta si è rivelato un alleato prezioso per far uscire allo scoperto e denunciare i maltrattamenti subiti da questi animali.

Video-inchiesta: allevamento e macellazione dei pesci in Europa

Nel 2018, CIWF ha condotto una video-inchiesta in allevamenti di pesci europei. Dalle immagini emerge chiaramente la totale mancanza di misure di tutela del benessere dei pesci, allevati in condizioni orribili e macellati con metodi dolorosi.

Video-inchiesta: il vero costo dell’allevamento di salmoni in Scozia

Nel 2021, abbiamo pubblicato un'inchiesta sull'industria scozzese del salmone – la più grande mai condotta su questa specifica industria – che ha rivelato una sofferenza su vasta scala, con infestazioni di parassiti e tassi di mortalità scioccanti.

Fare pressione: tutelare i pesci allevati

In concomitanza, abbiamo lanciato una petizione per chiedere al Governo scozzese di fermare l'espansione sconsiderata di questa industria e di porre fine alla sofferenza di questi animali.

Le immagini dell’inchiesta hanno fatto il giro del mondo e la campagna ha registrato una partecipazione straordinaria.

Anche i prodotti ittici riportano, in etichetta, delle informazioni sui cui i consumatori possono fare affidamento per le loro scelte d’acquisto, ma cosa ci dicono davvero le etichette del pesce? È nata dall’indagine condotta per rispondere a questa domanda la prima, grande campagna internazionale di Compassion in World Farming dedicata ai pesci, indirizzata alle principali etichette di certificazione disponibili dei prodotti ittici. Abbiamo infatti mobilitato i nostri sostenitori, invitandoli a scrivere ai responsabili delle cinque più importanti certificazioni ittiche internazionali per chiedere loro di adottare dei criteri per il benessere animale più stringenti.

La nostra ultima campagna sui pesci punta invece a colmare un grave vuoto legislativo a livello europeo. Quest’anno abbiamo infatti lanciato una petizione per chiedere a DG SANTE, il direttorato nella Commissione europea responsabile delle politiche in materia di salute e sicurezza alimentare, di farsi promotrice di una legislazione sul benessere animale dei pesci allevati in Europa, che attualmente non è regolamentato da una normativa dedicata.

Negli ultimi anni della nostra storia abbiamo così gettato le basi del nostro lavoro in difesa dei pesci con un chiaro progetto: informare, sensibilizzare, documentare, mobilitare sempre più persone per tutelare anche i più bistrattati e dimenticati tra gli animali allevati a fini alimentare.

La sfida, al contempo, è quella di trasformare lo sguardo con cui questi animali sono visti e vissuti e fare in modo di “ripensare i pesci”.

Action Icon
Insieme, abbiamo fatto la differenza!

Grazie al tuo impegno e alla tua determinazione, abbiamo fatto la differenza per miliardi di animali allevati a scopo alimentare in tutto il mondo, pesci inclusi!

impatto globale nel 2020-21
2. Insieme, abbiamo fatto la differenza!
Guarda il videoPlay icon
Globe

Stai utilizzando un browser obsoleto che non supportiamo. Ti preghiamo di aggiornare il tuo browser per migliorare la tua esperienza e la tua sicurezza.  

Se dovessi avere ulteriori domande a riguardo, o qualsiasi altro problema, ti preghiamo di contattarci a info@ciwfonlus.it. Cerchiamo di rispondere a tutte le richieste entro due giorni. Tuttavia, a causa dei volumi di richieste che riceviamo, a volte potremmo metterci più tempo, ti preghiamo in quel caso di scusarci. In alternativa, se la tua richiesta è urgente, puoi contattare il nostro team di supporto al: +39 051 2960818  (le linee sono disponibili dalle 9:00 alle 17:00, dal Lunedi al Venerdì).