Search icon

La leggendaria Jane Goodall chiede all'UE di porre fine all’allevamento in gabbia. Con lei oltre 140 scienziati

News Section Icon Pubblicato 23/02/2021

Più di 140 scienziati si sono espressi a sostegno della richiesta dei cittadini di porre fine all'uso delle gabbie negli allevamenti dell'UE. Tra loro c'è l'etologa e ambientalista di fama mondiale Jane Goodall, PhD, DBE, Messaggera di pace delle Nazioni Unite e fondatrice del Jane Goodall Institute.
In una lettera alla Commissione europea, gli scienziati dichiarano di sostenere pienamente la richiesta di 1,4 milioni di persone che hanno recentemente firmato l'Iniziativa dei cittadini europei End the Cage Age, lanciata da una coalizione di 170 ONG europee sotto la guida di Compassion in World Farming. L'iniziativa esorta l'UE a eliminare gradualmente l'uso di tutte le gabbie negli allevamenti.

LA SCIENZA CI DICE CHE GLI ANIMALI SOFFRONO NELLE GABBIE

Con l’invio di questa lettera, la Dott. Goodall chiede la fine dell'uso delle gabbie negli allevamenti:

Oggi la maggior parte delle persone capisce che gli uccelli sono esseri senzienti. Abbiamo osservato galline liberate da allevamenti intensivi – ognuna aveva una personalità distinta, tutte mostravano emozioni come il piacere e la paura. Un numero crescente di ricerche scientifiche lo sostiene, e non c'è dubbio che la vita rinchiusa in una piccola gabbia causa grandi sofferenze. L'UE deve agire in difesa dei milioni di galline e degli altri animali trattati in questo modo crudele
TWITTER Scientists Letter

Nonostante il Trattato dell’UE riconosca gli animali come esseri senzienti, oltre 300 milioni di maiali, galline, conigli, anatre e quaglie sono rinchiusi in gabbia in tutta Europa. Nella maggior parte dei casi, le gabbie sono ambienti squallidi, angusti e gli animali non hanno lo spazio per muoversi liberamente. La ricerca scientifica mostra che le gabbie hanno effetti negativi gravi sul benessere degli animali, che la lettera descrive in dettaglio. L'abbandono dell'allevamento in gabbia, sostituito da alternative commercialmente valide, porterebbe un cambiamento epocale nel nostro sistema alimentare e di allevamento a beneficio di centinaia di milioni di animali all'anno.

ORGOGLIOSI DEL SOSTEGNO

Siamo orgogliosi di avere la dott. Jane Goodall e tutti gli altri scienziati al nostro fianco per chiedere la fine dell'uso delle gabbie negli allevamenti

ha detto Olga Kikou, responsabile di Compassion in World Farming UE e rappresentante delegato dell'Iniziativa dei cittadini europei End the Cage Age.

Olga ha aggiunto:

La campagna End the Cage Age ha il sostegno di oltre 170 organizzazioni europee, decine di membri del Parlamento europeo, del Comitato europeo delle regioni e di 1,4 milioni di cittadini europei. La Commissione europea deve impegnarsi ad adottare una legislazione che metta fine all'era delle gabbie per sempre

1,4 MILIONI DI CITTADINI UNITI CONTRO LE GABBIE

Nell'ottobre 2020, la Commissione europea ha ricevuto l'Iniziativa dei cittadini europei che chiede la fine dell'uso delle gabbie negli allevamenti dell'UE. L'iniziativa End the Cage Age è stata firmata da 1,4 milioni di persone in tutta Europa ed è solo la sesta iniziativa di successo da quando l'UE ha lanciato questo strumento di democrazia otto anni fa. È la prima iniziativa di successo per gli animali d'allevamento. L'iniziativa è inoltre sostenuta da oltre 170 organizzazioni, da un gruppo di membri di diversi partiti del Parlamento europeo e dal Comitato europeo delle regioni.

Globe

Stai utilizzando un browser obsoleto che non supportiamo. Ti preghiamo di aggiornare il tuo browser per migliorare la tua esperienza e la tua sicurezza.  

Se dovessi avere ulteriori domande a riguardo, o qualsiasi altro problema, ti preghiamo di contattarci a info@ciwfonlus.it. Cerchiamo di rispondere a tutte le richieste entro due giorni. Tuttavia, a causa dei volumi di richieste che riceviamo, a volte potremmo metterci più tempo, ti preghiamo in quel caso di scusarci. In alternativa, se la tua richiesta è urgente, puoi contattare il nostro team di supporto al: +39 051 2960818  (le linee sono disponibili dalle 9:00 alle 17:00, dal Lunedi al Venerdì).