Carrefour: accolte tutte le nostre richieste

18 aprile 2017

LH _338_.jpg

Lo scorso primo marzo Carrefour Italia aveva dichiarato il proprio impegno a non vendere più uova in guscio da galline allevate in gabbia, comprendendo in questa iniziativa sia le uova a proprio marchio, che quelle di altri marchi. Una decisione che abbiamo accolto con grande favore. Tuttavia, Carrefour non aveva specificato se nell’impegno fossero compresi anche i punti vendita in franchising e non aveva nemmeno pubblicato la policy sul proprio sito. Due importanti informazioni che ci avevano fatto sorgere alcuni dubbi sull’attuazione del piano per il benessere delle galline ma che ora Carrefour ha definitivamente chiarito, confermando pienamente la scelta di abbandonare le uova in guscio da galline in gabbia.

Comunicare in maniera chiara gli impegni con indicazioni specifiche sulle tempistiche e rendere le comunicazioni disponibili pubblicamente tramite il proprio sito internet rappresentano  per noi uno dei passaggi più importanti nella collaborazione con le aziende alimentari. Queste informazioni, infatti, ci consentono di poter monitorare i loro impegni negli anni a seguire e di garantire la trasparenza nei confronti dei consumatori. Per questo, avevamo deciso di chiedere con determinazione a Carrefour Italia di comunicare la propria scelta sulle uova con trasparenza pubblicandola sul sito internet, oltre che fare chiarezza sul coinvolgimento dei franchising nell’impegno aziendale.

In seguito alla nostra campagna, Carrefour ha risposto a tutte le nostre richieste, definendo una scala temporale entro cui anche i punti vendita in franchising smetteranno di vendere uova da galline allevate in gabbia e pubblicando l’impegno aziendale sul sito. Dopo le recenti comunicazioni di supermercati come Esselunga e Auchan Italia, ci congratuliamo ora anche con Carrefour Italia per l’impegno preso e la trasparenza verso i consumatori: oltre ai punti vendita a gestione diretta che, già da inizio marzo, non commercializzano più uova da galline in gabbia, anche i rimanenti punti vendita in franchising smetteranno di farlo entro fine 2019.

Dichiara Elisa Bianco, responsabile del Settore Alimentare di CIWF in Italia:

“Siamo lieti di vedere che Carrefour Italia ha definito il proprio impegno con chiarezza, comunicandolo con trasparenza e stabilendo una scala temporale anche per i franchising. Quella di Carrefour rappresenta una scelta importante, perché dimostra che, anche in una realtà complessa come quella del franchising, è possibile coinvolgere tutti i propri punti vendita in scelte fondamentali per migliorare il benessere delle galline e gli standard di qualità dei prodotti. Continueremo a collaborare con il settore alimentare per supportare il passaggio a un’era senza più gabbie per le galline.


Condividi questa pagina