Search icon

News Section Icon Pubblicato 27/07/2020

A seguito della nostra Iniziativa dei Cittadini Europei ‘End the Cage Age’, la Commissione europea ha chiesto all’EFSA, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, di esaminare lo stress causato agli animali dai sistemi di allevamento in gabbia. Questa è un'ottima notizia, poiché dimostra chiaramente che la grande iniziativa di sensibilizzazione dei decisori politici in favore del benessere degli animali a livello dell'UE sta iniziando a dare i suoi frutti.

Il mandato dell'agenzia dell'UE

Il mandato che la Commissione europea ha affidato all'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) è particolarmente ambizioso. La ricerca dell'agenzia si focalizzerà principalmente sull'esaminare lo stress causato agli animali dall'uso delle gabbie negli allevamenti, investigando sistemi di allevamento di galline ovaiole, suini, vitelli e broiler (pollo comune allevato esclusivamente per produrre carne). L'EFSA dovrebbe quindi fornire una solida base scientifica per "future decisioni legislative".

Cyprus Pigs Investigation 2013
Scrofe in gabbie di gestazione
Image40
Scrofe in gabbie di allattamento

L'EFSA dovrebbe rivedere le pubblicazioni scientifiche riguardanti le conseguenze dei sistemi in gabbia sul benessere degli animali, tra cui "la gravità, la durata e il verificarsi di ogni conseguenza riguardante il benessere". L'agenzia dovrà "fornire raccomandazioni per prevenire, mitigare o correggere le conseguenze sul benessere".

Nelle sue richieste ufficiali all'EFSA, la Commissione europea ha chiaramente delineato le stesse richieste della nostra Iniziativa dei Cittadini Europei in merito all'allevamento in gabbia e ha sottolineato il fatto che l'Iniziativa dei Cittadini Europei "End the Cage Age" è stata una delle ragioni determinanti per promuovere questo studio. Nel suo comunicato stampa, l'EFSA ha anche messo in evidenza il ruolo della rete di circa 170 organizzazioni che hanno lanciato e tutt'ora sostengono l'iniziativa.​

Image158
Galline ovaione in gabbie "arricchite"
Image233
Vitello in gabbia

 

 

 

 

Il risultato finale della ricerca dell'EFSA dovrebbe essere pubblicato nel 2022 per quello che riguarda le galline ovaiole, i polli da carne e i suini e nel 2023 per quello che riguarda i vitelli.​ 

L'iniziativa dei Cittadini Europei 'End the Cage Age' 

G10

 L'Iniziativa dei Cittadini Europei "End the Cage Age" mira ad abolire dell’uso di ogni tipo di gabbia per allevare animali a scopo alimentare in tutta Europa. Questa iniziativa rappresenta la più grande spinta politica nella storia del benessere degli animali da allevamento, avendo raccolto oltre 1 milione di firme da tutta l'UE.

Ogni anno oltre 300 milioni di animali in Europa trascorrono tutta o parte significativa della loro vita imprigionati in gabbie. Le galline ovaiole e i conigli allevati a scopo alimentare vengono tenuti in uno spazio della dimenisione di un foglio di carta A4 e quasi tutte le scrofe trascorrono la metà di ogni anno all'interno di gabbie, in cui non possono nemmeno voltarsi. Ciò provoca un'enorme sofferenza perché questi esseri senzienti non possono manifestare la maggior parte dei loro comportamenti naturali.

Compassion in World Farming ha coordinato un network di oltre 170 organizzazioni che hanno aderito all'iniziativa, così come un gruppo di Membri del Parlamento europeo che lavorano per un'allevamento privo di gabbie.

I prossimi passi per un'Europa libera dalle gabbie

Oltre alle gabbie per galline ovaiole, scrofe, vitelli e polli da carne, l'iniziativa "End the Cage Age", prevede inoltre che non vengano più utilizzate gabbie negli allevamenti di conigli, quaglie, anatre e oche.

A seguito di una campagna di Compassion in World Farming e di una successiva richiesta del Parlamento europeo, l'EFSA ha recentemente esaminato il benessere dei conigli allevati e ha concluso che la questione chiave del benessere per i conigli adulti è la restrizione dei movimenti causati dall'allevamento in gabbia. Tuttavia, non esiste un mandato attuale per riesaminare i problemi di benessere che devono affrontare le quaglie, le anatre e le oche allevate nei sistemi in gabbia.

Prevediamo che la Commissione europea, o il Parlamento europeo, incaricherà l'EFSA di condurre una revisione scientifica anche su queste specie.

Per ulteriori informazioni sull'allevamento in gabbia nell'UE consultare il nostro Report.

Image180
Conigli in gabbia
Image169
Oche in gabbia
Globe

Stai utilizzando un browser obsoleto che non supportiamo. Ti preghiamo di aggiornare il tuo browser per migliorare la tua esperienza e la tua sicurezza.  

Se dovessi avere ulteriori domande a riguardo, o qualsiasi altro problema, ti preghiamo di contattarci a info@ciwfonlus.it. Cerchiamo di rispondere a tutte le richieste entro due giorni. Tuttavia, a causa dei volumi di richieste che riceviamo, a volte potremmo metterci più tempo, ti preghiamo in quel caso di scusarci. In alternativa, se la tua richiesta è urgente, puoi contattare il nostro team di supporto al: +39 051 2960818  (le linee sono disponibili dalle 9:00 alle 17:00, dal Lunedi al Venerdì).