Search icon

Video-inchiesta sull'allevamento di conigli in Europa

Nell’estate 2014, i nostri operatori hanno visitato 16 allevamenti intensivi di conigli, dislocati in 5 Paesi – Italia, Grecia, Repubblica Ceca, Polonia e Cipro. Hanno potuto documentare il lato nascosto dell’allevamento intensivo: milioni di animali confinati in gabbie non più grandi di un foglio A4...

Ma siamo nel 2014. Il medioevo dovrebbe essere passato! Dobbiamo evolverci e prendere le distanze da pratiche tanto crudeli: allevare gli animali ammassandoli in gabbie squallide è davvero una pratica primitiva.

 

Video inchiesta per documentare il lato nascosto dell’allevamento in gabbia

Attenzione: le immagini potrebbero turbare un pubblico sensibile

 

Un affare sporco


I nostri operatori hanno ripreso animali sofferenti, confinati in gabbie piccolissime, che spesso causano loro stress e ferite, impedendo qualsiasi comportamento naturale come saltare, fare balzi, scavare o nascondersi. Gli ambienti erano sporchi e malsani: il pelo dei conigli rimaneva impigliato nelle gabbie e in alcuni allevamenti gli operatori hanno trovato conigli morti lasciati a imputridire sopra le gabbie oppure abbandonati nei corridoi tra una fila di gabbie e l’altra. Sotto le gabbie, c'erano cumuli di feci stantie che in alcuni casi producevano un odore di ammoniaca così forte da impedire loro di respirare.

 

Solo macchine da riproduzione

I nostri operatori sono riusciti a filmare l’inseminazione artificiale dei conigli femmina, una pratica raramente documentata. Le coniglie vengono prelevate dalle gabbie dove si trovano insieme ai loro cuccioli e, ancora mentre allattano, vengono inseminate per la futura gravidanza. Questo è l’unico momento della loro vita, che dura circa due anni, in cui questi animali possono uscire dalle gabbie. In molti allevamenti gli animali malati non venivano nemmeno curati. Moltissimi animali erano affetti da infezioni agli occhi e all’apparato respiratorio.

 

Un problema che riguarda tutta l’industria

Le condizioni di allevamento che abbiamo riscontrato in tutte le aziende visitate sono simili. È quindi estremamente probabile che siano rappresentative degli allevamenti di conigli in tutta Europa. Ciò che sappiamo con certezza è che, dopo i polli, i conigli “da carne” sono la specie più allevata in Europa. E che la stragrande maggioranza di questi animali (oltre il 97%) viene allevata intensivamente nelle squallide gabbie di batteria.