Search icon

Cambiamento climatico? Per affrontarlo urge una riforma del sistema alimentare

News Section Icon Pubblicato 11/12/2020

Istock 000010794227Medium

A metà novembre, 25 ONG hanno firmato una lettera coordinata da CIWF indirizzata al Segretario generale dell’ONU, al Segretario esecutivo dell'UNFCCC, ai Primi ministri del Regno Unito e dell'Italia (co-organizzatori della COP26) e al Presidente della Commissione europea. La lettera esorta questi leader mondiali a garantire che l'alimentazione, l'agricoltura e l’allevamento abbiano la massima priorità nelle discussioni in occasione del prossimo vertice sul clima, il Climate Ambition Summit, che si terrà il 12 dicembre 2020, e della 26esima Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (COP26), che avrà luogo a Glasgow nel novembre 2021.

La lettera sottolinea il fatto che, nonostante il sistema alimentare generi circa il 26% delle emissioni globali di gas serra, durante questi eventi il focus sarà tipicamente su energia, combustibili fossili, trasporti e industria. Il sistema di produzione del cibo, l'agricoltura e l’allevamento sono fattori importanti che passano inosservati quando invece è fondamentale che il loro impatto ambientale venga riconosciuto.

Bisogna agire adesso

La lettera spiega che è necessario intraprendere delle azioni immediate per controllare le emissioni prodotte dai settori alimentare e zootecnico al fine di raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi.

“Per raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi, tutti i settori devono ridurre le proprie emissioni. Ma, come al solito, le emissioni del sitema alimentare sono destinate a salire drasticamente ", afferma Peter Stevenson, Chief Policy Advisor di CIWF.

Senza una forte diminuzione del consumo di carne e latticini in tutti i paesi a eccezione dei paesi più poveri, sarà quasi impossibile evitare livelli pericolosi di cambiamento climatico. Siamo davvero disposti a rischiare di friggere il pianeta per soddisfare la nostra voglia di crocchette di pollo e braciole di maiale?

Proposte promettenti

Citando studi che dimostrano l'immenso impatto del settore zootecnico sulle emissioni, la lettera presenta diverse promettenti proposte, tra cui la diminuzione del consumo globale di carne, pesce e latticini nel mondo sviluppato e l'impegno a favore di un'agricoltura rigenerativa con approcci come l'agroecologia e l'agricoltura biologica, che promuoverebbero il deposito di carbonio nel suolo e negli alberi.

Peter continua:

È del tutto possibile modificare la nostra rotta e raggiungere gli obiettivi dell'accordo di Parigi se ci spostiamo verso diete a base vegetale e passiamo all'agricoltura rigenerativa. Chiediamo ai leader mondiali di intraprendere un'azione decisiva ora e di mettere il sistema alimentare in cima all'agenda della COP26 che si terrà a Glasgow nel novembre 2021.

Leggi la lettera completa qui.

Globe

Stai utilizzando un browser obsoleto che non supportiamo. Ti preghiamo di aggiornare il tuo browser per migliorare la tua esperienza e la tua sicurezza.  

Se dovessi avere ulteriori domande a riguardo, o qualsiasi altro problema, ti preghiamo di contattarci a info@ciwfonlus.it. Cerchiamo di rispondere a tutte le richieste entro due giorni. Tuttavia, a causa dei volumi di richieste che riceviamo, a volte potremmo metterci più tempo, ti preghiamo in quel caso di scusarci. In alternativa, se la tua richiesta è urgente, puoi contattare il nostro team di supporto al: +39 051 2960818  (le linee sono disponibili dalle 9:00 alle 17:00, dal Lunedi al Venerdì).