Search icon

InSOStenibile. La battaglia continua: una nuova protesta dei cittadini a Jesi

News Section Icon Pubblicato 29/10/2020

Il 10 ottobre i cittadini di Jesi e delle zone limitrofe, riunitesi nel Comitato SalvaVallesina, hanno organizzato un’azione di protesta in difesa del loro territorio.

Protesta Jesi Teatro Pergolesi

Infatti il numero di mega allevamenti nella Valle Esina è aumentato vertiginosamente negli ultimi anni, con impianti che allevano milioni di animali a poche centinaia di metri da case e centri abitati creando seri disagi a chi in quei luoghi ci vive.

Il sistema intensivo non tormenta soltanto gli animali ma anche le persone

CIWF Italia li ha incontrati a settembre per raccogliere le loro testimonianze.
I cittadini hanno raccontato che per colpa dei cattivi odori e delle polveri sono finiti al pronto soccorso per irritazioni agli occhi, accusando nausea e difficoltà a respirare. Certe volte a causa della puzza l’aria è così irrespirabile che sono costretti a rinchiudersi in casa. 

Da allora le loro attività non si sono mai fermate e il 10 ottobre sono scesi in piazza vestiti da polli per chiedere che non siano costruiti nuovi allevamenti nella Vallesina. Nel rispetto della normativa anti-covid non hanno distribuito volantini, ma hanno scelto di indossare i loro slogan di protesta, messaggi chiari e inequivocabili come “I veri polli siamo noi”, “Si sono presi la nostra valle” e “Lasciateci respirare”.

Protesta Jesi 2

Le parole di Nicolò Fiordelmondo, Presidente del Comitato “Salva Vallesina” chiariscono senza ombra di dubbio le ragioni della loro protesta:

Promuovere e sostenere una crescita ecosostenibile compatibile con la qualità della vita e la salute degli abitanti di quest’area.

 

Una situazione insostenibile

L’intensificazione dell’allevamento concentra centinaia di migliaia, a volte anche milioni di animali in capannoni chiusi, a ridosso di parchi naturali, di aree ricche di storia o a poche centinaia di metri da centri abitati e scuole, dove la vita, in poco tempo, diventa un inferno. Una situazione inSOStenibile che i cittadini non sono più disposti ad accettare.

InSOStenibile.png

Il nuovo movimento di cittadini che sta nascendo nel nostro Paese chiede di fermare la costruzione di nuovi allevamenti intensivi e di convertire quelli esistenti in sistemi più sostenibili. Ora più che mai, c’è bisogno che il nostro Governo si impegni a promuovere la transizione verso un’agricoltura maggiormente in armonia con la natura e rispettosa della biodiversità.

 

Per unirsi al movimento firmate la petizione qui

 

 

Globe

Stai utilizzando un browser obsoleto che non supportiamo. Ti preghiamo di aggiornare il tuo browser per migliorare la tua esperienza e la tua sicurezza.  

Se dovessi avere ulteriori domande a riguardo, o qualsiasi altro problema, ti preghiamo di contattarci a info@ciwfonlus.it. Cerchiamo di rispondere a tutte le richieste entro due giorni. Tuttavia, a causa dei volumi di richieste che riceviamo, a volte potremmo metterci più tempo, ti preghiamo in quel caso di scusarci. In alternativa, se la tua richiesta è urgente, puoi contattare il nostro team di supporto al: +39 051 2960818  (le linee sono disponibili dalle 9:00 alle 17:00, dal Lunedi al Venerdì).