Search icon

Benessere delle scrofe sotto minaccia in Germania

News Section Icon Pubblicato 05/12/2019

Uniti per la protezione dei suini

Berlin Sow Protest Dec 2019 2

Insieme ad altre sei organizzazioni per la protezione degli animali, lo scorso lunedì 2 dicembre abbiamo partecipato a una protesta a Berlino, per chiedere al Governo tedesco di abbandonare il progetto di legge del Ministro dell’Agricoltura Julia Klöckner, che, se approvato, renderebbe legali le gabbie di gestazione per le scrofe attualmente in uso negli allevamenti del Paese e ve le terrebbe rinchiuse per ulteriori 15-17 anni.

Già a fine novembre, oltre 20 organizzazioni tedesche di protezione degli animali e dell'ambiente si erano opposte a questo progetto di legge in una lettera aperta al Ministro.

La Direttrice di CIWF Italia Annamaria Pisapia sta collaborando attivamente con i colleghi tedeschi ed è volata a Berlino per incontrarli, perché in momenti critici come questo è importante unire le forze.

Stiamo lottando con le unghie e con i denti affinché proprio la Germania, che avrà un ruolo centrale in Europa nei prossimi mesi, assumendo la presidenza della UE, non approvi una legge spudoratamente a favore delle gabbie.

Annamaria In Berlin

Tutte insieme, noi organizzazioni di protezione animale, chiediamo al ministro federale di rivedere completamente il progetto, che è incostituzionale, viola la legge sulla protezione degli animali e ignora diverse sentenze di tribunali del paese.

Le gabbie di gestazione troppo strette rischiano di essere legalizzate

La protesta dello scorso lunedì 2 dicembre ha avuto luogo di fronte al Palazzo del Governo Federale a Berlino, con lo slogan: "Ponete fine alla sofferenza delle scrofe nelle gabbie di gestazione! Rispettate l'obiettivo della Costituzione tedesca di proteggere gli animali!*".

Il progetto di legge doveva essere discusso in giornata, ma, anche grazie all’enorme numero di emendamenti presentati dai ministri appartenenti al partito dei Verdi, che hanno accolto istanze delle associazioni protezionistiche, è stato rimandato a gennaio.

Negli ultimi anni, alcuni dei più alti tribunali tedeschi hanno dichiarato illegale l'uso delle gabbie di gestazione per le scrofe in Germania; poiché non consentono agli animali di distendere le zampe, un requisito previsto dalla legislazione tedesca.

Invece di imporre agli allevatori di metterle a norma, il ministro federale vuole eliminare dalla legislazione il paragrafo in base al quale le gabbie devono consentire alle scrofe di allungare le zampe, consentendo poi agli allevatori di continuare ad utilizzare le attuali gabbie per altri 15-17 anni! Un peggioramento inaccettabile e come si diceva anche incostituzionale.

Non possiamo permettere che questo accada: per questo continueremo a fare opposizione insieme con i nostri alleati in Germania.

*La Germania è l’unico paese in Europa che ha incluso nella Costituzione l’obiettivo della protezione animale.

L'opposizione di CIWF continua

I primi mesi dei 2020 sono stati segnati dal vergognoso tentativo del Ministero dell’Agricoltura di legittimare le gabbie per le scrofe già dichiarate illegali da una sentenza del Tribunale Amministrativo tedesco in quanto eccessivamente strette. La data della votazione, prevista il 14 febbraio, ha rappresentato un momento chiave per esercitare una pressione sui politici e influenzare il voto definitivo del Budesrat, il Consiglio Federale di Berlino, in merito alla proposta del Ministero che rischia di avere implicazioni terribili sulla vita di milioni di scrofe.

Un movimento globale

Per fare questo CIWF ha dato vita, insieme ai gruppi di protezione animale tedeschi, ad una petizione che in poche settimane ha raccolto 155.000 firme prontamente consegnate ad un rappresentante del Bundesrat: un chiaro segnale della volontà di centinaia di migliaia di cittadini di vedere le scrofe libere dalle gabbie.

CIWF ha deciso inoltre di rivolgersi direttamente ai decisori politici per chiedere loro di schierarsi dalla parte degli animali. Un’iniziativa che ha coinvolto gli uffici internazionali di Compassion in World Farming e i sostenitori di tutto il mondo attraverso un twitter storm, per chiedere a coloro che avrebbero dovuto pronunciarsi il 14 febbraio di fare la cosa giusta: in soli due giorni sono stati inviati 34.101 tweet a 50 politici tedeschi.

CIWF davanti al palazzo del Consiglio Federale

Il giorno del voto, il 14 febbraio, la rappresentante di CIWF Germania Maria Geusser si è riunita insieme ai gruppi di protezione animale tedeschi davanti al palazzo del Consiglio Federale per manifestare il proprio dissenso alla proposta di legge e per dimostrare che è giunto il momento di porre fine all’era delle gabbie.

Germany 3
Germany 2
Germany 4
Germany 1