Search icon

Due giganti della ristorazione si impegnano per il benessere dei polli

News Section Icon Pubblicato 17/11/2016

Una nuova pietra miliare per il benessere animale è stata posta negli Stati Uniti.
I giganti globali della ristorazione Compass Group e Aramark si sono impegnati a migliorare le vite di milioni di polli nelle loro filiere entro il 2024, creando un importante precedente nell’industria avicola statunitense e aprendo la strada per un cambiamento ancora più grande negli anni a venire.

Negli Stati Uniti, i polli allevati per la carne costituiscono il 95% degli animali allevati intensivamente. La maggior parte sono polli selezionati geneticamente da ceppi che crescono così in fretta e così tanto da poter avere difficoltà a camminare e soffrire di attacchi di cuore e di altri gravi problemi di salute.

L’accordo di Compass e Aramark è stato raggiunto grazie alla partnership con Global Animal Partnership (GAP), un programma di certificazione del benessere animale supportato da Compassion In World Farming USA, che fa parte del consiglio direttivo di GAP.
Nello specifico Compass and Aramark si sono impegnati a:

  • Includere nelle proprie filiere razze di pollo più sane e a crescita più lenta, abbandonando le razze a crescita accelerata usate negli allevamenti intensivi, che comportano gravi patologie per agli animali.
  • Dare ai polli più spazio per muoversi, stabilendo nuovi standard di densità (numero di animali consentiti nell’allevamento).
  • Crescere i polli in ambienti arricchiti: luce naturale, balle di fieno e posatoi, miglioramenti che incoraggiano gli animali a poter esprimere i propri comportamenti naturali.
  • Rendere il processo di macellazione più umano.
Il team di Compassion USA ha lavorato a stretto contatto con entrambe le aziende, contribuendo in maniera fondamentale a alle loro storiche decisioni. Ancora una volta non possiamo che constatare quanti progressi si possono fare quando le grandi aziende danno do priorità al benessere degli animali, rispondendo alla crescente richiesta dei consumatori di prodotti più etici.