Icona di ricerca

Macellazione: la Corte di Giustizia Europea conferma il diritto degli Stati Membri di introdurre lo stordimento obbligatorio

News Section Icon Pubblicato 18/12/2020

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha chiarito ieri, con una sentenza storica, che gli Stati Membri possono imporre l’obbligatorietà dello stordimento prima della macellazione. La sentenza arriva a seguito del caso del Governo delle Fiandre in Belgio, che nel luglio 2019 ha reso obbligatorio lo stordimento anche nel caso della produzione di carne tradizionale secondo i riti musulmani e ebraici.

La sentenza ha stabilito che i Governi dell’UE possono legittimamente introdurre lo stordimento reversibile e obbligatorio nell’ambito dell’Art. 26.2 del Regolamento (CE) N. 1099/2009 del Consiglio del 24 settembre 2009 relativo alla protezione degli animali durante l’abbattimento con lo scopo di migliorare il benessere degli animali durante le operazioni condotte nel contesto dei riti religiosi. Questa sentenza considera quindi lo stordimento reversibile come metodo che trova un punto di incontro fra il rispetto dei riti religiosi e il benessere animale.

Un recente parere dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare aveva rilevato lo scorso novembre che uno dei punti critici nella macellazione dei bovini nell’UE è proprio la mancanza dello stordimento che provoca dolore e sofferenza negli animali.

La sentenza arriva in un importante momento, con l’imminente revisione del Regolamento sull’Abbattimento annunciato dalla Commissione nella cornice della Strategia Farm to Fork che potrebbe rappresentare un’occasione affinché lo stordimento diventi sempre obbligatorio in UE.
Secondo CIWF Italia Onlus:

Quella di ieri è una sentenza storica: la macellazione senza stordimento provoca grande sofferenza agli animali e ci auguriamo che l’UE, anche con l’appoggio del nostro Governo, possa presto mettere fine a questa pratica introducendo l’obbligatorietà dello stordimento, così come richiede la sempre più crescente sensibilità dei cittadini nei confronti delle sofferenze degli animali.

Secondo un sondaggio condotto da Eurogroup for Animals in ottobre, i cittadini europei non vogliono vedere animali macellati ancora coscienti.

 

Note

Opinion poll on slaughter 
Summary of the Court of Justice of the European Union (CJEU) case C-336/19
Amicus Curiae on CJEU case
Advocate General opinion

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Globe

Stai utilizzando un browser obsoleto che non supportiamo. Ti preghiamo di aggiornare il tuo browser per migliorare la tua esperienza e la tua sicurezza.  

Se dovessi avere ulteriori domande a riguardo, o qualsiasi altro problema, ti preghiamo di contattarci a info@ciwfonlus.it. Cerchiamo di rispondere a tutte le richieste entro due giorni. Tuttavia, a causa dei volumi di richieste che riceviamo, a volte potremmo metterci più tempo, ti preghiamo in quel caso di scusarci. In alternativa, se la tua richiesta è urgente, puoi contattare il nostro team di supporto al: +39 051 2960818  (le linee sono disponibili dalle 9:00 alle 17:00, dal Lunedi al Venerdì).