Search icon
JAL13PFPL04-9015.jpg

Suini

I suini in Italia

In Italia vengono macellati 11.848.037 di suini (Istat 2016), per lo più distribuiti tra Lombardia e Emilia Romagna. La consistenza del patrimonio suinicolo in numero di capi è di 8.570.807 (Istat 2017). Il 90% dei suinetti nati in Italia finisce nella filiera del DOP.

Nel 2013 abbiamo realizzato una video-inchiesta in allevamenti di suini nel nostro paese per verificare il livello di benessere degli animali. Siamo stati tristemente colpiti dal fatto che in tutti gli allevamenti visitati la legislazione UE per la protezione dei suini veniva palesemente disattesa.

I suini presentavano tutti le code amputate, erano stipati in recinti sovraffollati, collocati in edifici sudici, bui e privi di qualsiasi stimolo. Erano costretti a vivere nella melma, tra i loro stessi escrementi, a volte erano lasciati senza cure se malati o feriti; oppure morti e gettati negli angoli.

 

Cosa dice la Direttiva a protezione dei suini

La legislazione europea per la protezione dei suini (Dir. 2008/120/CE), recepita anche in Italia e le cui norme più stringenti risalgono al 2001 (Dir 2001/93/CE), ha tra i suoi capisaldi l’obbligo di fornitura ai suini di materiali come la paglia per consentire loro di esprimere il loro comportamento naturale di esplorazione; il divieto di mozzare loro le code come operazioni sistematiche e l’obbligo di alloggiare i suini in locali forniti di una zona confortevole e pulita. 

Data la situazione drammatica dei suini allevati in Italia, abbiamo deciso di dedicare alcune campagne al miglioramento del benessere dei suini, chiedendo innanzitutto il rispetto della legge.

 

Cosa abbiamo fatto

  1. Nel 2013 abbiamo lanciato Sonodegno, una campagna sottoscritta da oltre 66.000 cittadini italiani e 474.000 cittadini europei, che chiedeva il rispetto della Direttiva negli allevamenti di suini
  2. Abbiamo partecipato al Tour del maxi maiale
     
  3. Abbiamo collaborato alla stesura di 2 interrogazioni parlamentari. La prima di Amati, Granaiola, Cirinnà, Valentini del 2013. La seconda di Gagnarli del 2014.
  4. Data la mancanza di alternative al consumo di insaccati o prosciutti derivanti da suini allevati intensivamente, nel 2014, abbiamo lanciato Siamodegni. Con questa campagna chiedevamo ai principali supermercati di rendere disponibile almeno una linea di prodotti suinicoli maggiormente rispettosi del benessere dei suini. Questa campagna è stata vinta!
  5. Abbiamo mandato simbolicamente della paglia al Ministro della Salute. I suini sono animali curiosi che passano gran parte del loro tempo grufolando. E’ indispensabile quindi rifornirli di arricchimenti ambientali adeguati, come la paglia.
  6. Ci siamo schierati contro il Bref – un documento europeo che se approvato avrebbe definito i pavimenti fessurati come "migliore tecnica disponibile" nell'allevamento suinicolo, quando in realtà è la peggiore. 
  7. Stiamo sostenendo la campagna europea di Eurogroup for Animals "End Pig Pain" che chiede lo stop delle mutilazioni per i suinetti. 
  8. Stiamo partecipando al tavolo del Ministero della Salute per identificare le migliori pratiche di allevamento e rispettare maggiormente la natura di questi animali. Siamo l’unica associazione di protezione animale che partecipa a questo tavolo ministeriale.