Search icon

Alimentazione sostenibile

Un’alimentazione migliore per gli esseri umani, per gli animali e per il pianeta

Attualmente più di due terzi della raccolta mondiale di cereali serve a nutrire i 70 miliardi di animali che vengono allevati ogni anno per produrre carne, uova e prodotti lattiero-caseari. La maggior parte di essi viene allevata in allevamenti intensivi.

In considerazione della crescente pressione sulle risorse naturali limitate del pianeta e dei milioni di persone che soffrono la fame, riteniamo che allevare animali in sistemi intensivi e nutrirli con cereali che potrebbero essere direttamente consumati dalla popolazione umana, non sia né duraturo, né moralmente accettabile.

Mangiare meglio

Gli allevamenti più rispettosi del benessere animale causano agli animali meno sofferenze. Comprare i prodotti forniti da questi allevamenti incoraggia gli investimenti in questo tipo di filiere, in cui gli allevamenti sono generalmente su scala più piccola e creano meno rischi per gli animali, per gli esseri umani e per il pianeta.

Mangiare meno prodotti animali

Mangiare meno carne, meno prodotti lattiero-caseari e meno uova riduce l’impatto ambientale dell’allevamento e migliora la salute umana.

La maggior parte di noi occidentali mangia più proteine del necessario. I grassi saturi nella carne e i prodotti lattiero-caseari possono essere nocivi per la salute e possono essere fattori di obesità, di diabete di tipo 2 e di malattie cardiovascolari. La maggior parte di noi occidentali mangia più proteine del necessario. I grassi saturi nella carne e i prodotti lattiero-caseari possono essere nocivi per la salute e possono essere fattori di obesità, di diabete di tipo 2 e di malattie cardiovascolari. Recentemente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha classificato le carni lavorate, come prosciutto e salsicce, come cancerogene per l’uomo, avendo raccolto sufficienti prove che dimostrano come il consumo di tali carni possa aumentare il rischio di cancro del colon-retto. 

L’allevamento è responsabile del 14,5% dei gas-serra di origine antropica. Un’altra buona ragione per mangiare meno prodotti di origine animale.

Le carni e i prodotti lattiero-caseari richiedono inoltre enormi quantità di cereali coltivati per l’alimentazione animale e di acqua, una delle risorse mondiali più rare e preziose. Come ha affermato il Dottor Pachauri, presidente del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico, “Per favore, mangiate meno carne. La carne ha un pesante impatto sulle emissioni di CO2”.

"Mangiarne meno " e "mangiare meglio " sono dei passi che Compassion esorta a fare.